Valorizzare al meglio le potenzialità del polo metalmeccanico e del porto di Vibo Marina

Vibo Valentia, Venerdì 26 Gennaio 2018 - 19:45 di Redazione

E’ giunta stamani nel porto di Vibo Marina il cargo  “Thorco Raffles” battente bandiera di Hong Kong, lunga circa 170 metri,  quindicimila  tonnellate di stazza lorda; attraccata alla banchina Bengasi imbarca importanti macchinari costruiti dallo stabilimento metalmeccanico “GE Oil & Gas - Nuovo Pignone” di Porto Salvo, che da anni invia in tutto il mondo grandi impianti di raffreddamento e di compressione. La nave salperà  quindi   per attraversare il canale di Suez, navigare  lungo  la penisola arabica e giungere nel bel Sultanato di Oman ove i macchinari  provenienti dalla Calabria saranno utilizzati  per gli impianti di estrazione-conduzione gas e idrocarburi. Un’occasione per invitare a riflettere sulla valenza del nostro scalo che, nonostante le tante disattenzioni,   trova ancora  forza nella sua posizione  strategica al centro del Mediterraneo  e nella  polifunzionalità di porto commerciale-peschereccio-turistico-emergenza;  per chiedere alla politica,  anche nel contesto elettorale, un'attenta analisi delle note potenzialità dell’ infrastruttura utili allo sviluppo economico-occupazionale del territorio, un serio impegno per inserire al  meglio lo scalo di Vibo Marina  nei piani nazionali sulla portualità e nei traffici marittimi commerciali e passeggeri.  



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code